BWW Review: DOMANI TI SPOSO ... DOMANI TI LASCIO! TOMORROW MORNING -- OVVERO IL DIVORZIO INIZIA CON IL MATRIMONIO! Al Teatro Roma

BWW Review: DOMANI TI SPOSO ... DOMANI TI LASCIO! TOMORROW MORNING                                  -- OVVERO IL DIVORZIO INIZIA CON IL MATRIMONIO!   Al Teatro RomaPer la compagnia A.M.O. , Attori Momentaneamente Occupati, non poteva esserci un testo migliore di Domani ti sposo ... Domani ti lascio! da loro messo in scena al Teatro Roma.

Dopo quattro anni di successi del precedente lavoro "Ti amo, sei perfetto, ora cambia" si può dire che gli attori ed il regista siano andati sul sicuro con questo musical inglese di Laurence Mark Wythe andato in scena per la prima volta a Londra nel 2006.

Dopo il successo londinese la prima edizione americana di Tomorrow Morning approda a Chicago nel 2009 dove viene premiato come Miglior Spettacolo Off ai locali Jeff Awards per poi arrivare Off-Broadway nel 2011 dove ottiene la nomination come miglior musical ai prestigiosi Outer Critics Circle Awards. Altre edizioni sono state realizzate in Australia, Giappone, Austria , Germania e Portogallo.

Questo musical da camera si svolge attorno alle storie di due coppie, una alla vigilia del divorzio e l'altra alla vigilia del matrimonio. Dopo poche scene si comincia ad intuire che l'alternanza delle situazioni delle due coppie non è altro che un continuo flashback. Con semplicità e senza voli pindarici passando da situazioni estremamente comiche ad altre più drammatiche si rimane catturati dagli eventi e a mano a mano che ci si avvia verso il finale a sorpresa sicuramente molte persone del pubblico riescono ad immedesimarsi in piccoli dettagli o situazioni che potrebbero capitare ad ognuno di noi.

Come mai allora con un susseguirsi di situazioni di tutti i giorni, un matrimonio forse non troppo voluto, una gravidanza inaspettata, la mancanza di una conferma di lavoro per lui ed una donna in carriera non pronta ad essere madre, questo musical riesce ad essere così accattivante? In fondo questo genere di commedie che racconta con ironia i problemi quotidiani delle coppie è molto comune e forse anche troppo inflazionato.

Indubbiamente le canzoni di Laurence Mark Wythe sono allegre, divertenti, intense quelle dei momenti più tristi e creano un'atmosfera che subito rende partecipi agli avvenimenti dei quattro personaggi; buona la traduzione dei testi originali a cura di Piero di Blasio anche se come sempre non è semplice adattare la metrica dell'italiano a quella più ritmata dell'originale inglese.

L'elemento fondamentale che rende questo musical assolutamente irresistibile è l'affiatamento degli attori che evidentemente dopo molti anni di lavoro a quattro conoscono le più piccole e rispettive sfumature e inflessioni al punto che non si ha la sensazione di assistere solo alla 7° o 8° replica ma almeno alla 200°.

Piero di Blasio (Alta Società, Taxi a due piazze, Questi 5 anni-The last five years) , Valeria Monetti (Sette spose per sette fratelli, Datemi tre caravelle), Stefania Fratepietro (Promesse,Promesse, Hello Dolly!, Cats, Ciao amore, ciao - Tenco e Dalida tra musica e amore) e Daniele Derogatis (Il Conte di Montecristo, Casanova il musical, L'ultima strega) non sono solo bravi, divertenti e dotati di ottime voci, ma dimostrano una complicità e attenzione reciproca che dona allo spettacolo una piacevole e vincente fluidità.

La regia di Marco Simeoli è decisamente scattante e essenziale anche se non si distacca in fondo molto dal precedente lavoro come d'altra parte lui stesso afferma nelle note aggiunte del flyer/programma di sala.

Ma se è pur vero che "squadra che vince non si cambia" , ci auguriamo che il talento e la bravura di questo team di attori e regista non si fossilizzi sulla scelta continua dello stesso tipo di testo, ma si evolva, avendone tutte le carte, in direzioni più ambiziose.

Domani ti sposo ... Domani ti lascio! - Tomorrow Morning

At Teatro Roma fino al 20 maggio

Musica e libretto di Laurence Mark Wythe

Adattamento italiano di Piero di Blasio

Il Cast:

Daniele Derogatis

Piero di Blasio

Stefania Fratepietro

Valeria Monetti

Ovvero, la compagnia A.M.O.

Regia: Marco Simeoli

Coreografie: Stefano Bontempi

Costumi: Valentina Giura

Scenografia: Gianluca Amodio

Direzione Musicale: Roberto Gori

Disegno Luci: Marco Macrini

Disegno fonico: Federico Millimaci

Aiuto regia: Maria Caso

Progetto grafico: Stefania Domina

Foto: Giacomo Ligi

Related Articles

View More Italy
Stories   Shows

From This Author ETTORE FARRATTINI

Before you go...

Like Us On Facebook
Follow Us On Twitter
Follow Us On Instagram