BWW Review: AAA CERCASI AMORE (PERSONALS) per la prima volta in Italia, l'amore ai tempi dei social network

BWW Review: AAA CERCASI AMORE (PERSONALS) per la prima volta in Italia, l'amore ai tempi dei social network

Dal 10 al 13 maggio, al teatro Portaportese di Roma, è andato in scena per la prima volta in Italia l'adattamento di AAA CERCASI AMORE (PERSONALS), un musical originariamente prodotto e composto da Marta Kauffman, David Crane (produttori della fortunata serie televisiva "Friends"), Stephen Schwartz, Joel Philip e Seth Friendman, Alan Menken, Michael Skloff e William Dreskin.
Lo spettacolo, adattato in italiano da Alessia Tona, Ilaria Gianani e Gianfranco Vergoni, racconta in una serie di sketch divertenti come viene vissuto e cercato l'amore nell'era dei social media.

Attraverso l'ironia si analizzano diverse situazioni piuttosto comuni in questo decennio: c'è chi finge di essere un'altra persona pur di trovare qualcuno, mettendo annunci non del tutto veritieri su siti di incontri, chi non ha il coraggio di andare avanti , dopo una relazione duratura finita male e cerca di riconquistare l'altra metà; c'è chi incolpa la madre per averle trovato un uomo non proprio perfetto e chi si affida a delle cassette pur di riuscire ad intrattenere una conversazione con una donna.
L'amore viene analizzato sotto ogni punto di vista e viene messo in risalto il fatto che, quando c'è di mezzo un sentimento così grande, si è disposti a tutto pur di viverlo.
Il musical non ha un vero e proprio lieto fine, o almeno non per tutti: l'uomo con le cassette (interpretato da un esilarante Roberto Colombo) non ha ancora trovato la persona giusta e la donna divorziata (Valentina Naselli) non è stata in grado di superare la rottura col marito che l'ha dimenticata. Sembra che solo l'uomo solitario (Luca Notari) e la sua vicina di casa (Alessia Tona), precedentemente fidanzata con un ragazzo che ha lasciato (Matteo Guma), siano riusciti a trovarsi, seppur attraverso dei profili un po' esagerati su un sito di incontri.

I testi di Stephen Schwartz, accompagnati dal vivo da Gabriele Ripa, sanno essere divertenti e leggeri. Non manca di certo la serietà che, tra una risata e l'altra, attraverso i brani magistralmente interpretati, fa riflettere il pubblico sul perché l'amore sia un sentimento così ricercato e, allo stesso tempo, così difficile da vivere.

Ben riuscita è la caratterizzazione dei personaggi, tutti molto diversi tra loro ma allo stesso tempo accumunati dal medesimo desiderio di vivere un amore come quello nelle fiabe; personaggi semplici nei quali chiunque può immedesimarsi e con cui il pubblico può entrare in sintonia facilmente, riconoscendosi nell'una o nell'altra personalità.

Quello della MotusArti è un musical unico: impeccabili gli attori che sono riusciti a portare sul palco allegria e serietà, facendo divertire il pubblico con battute affatto volgari, dimostrando che basta poco per provocare una risata; inoltre, fa pensare a quanto le situazioni inscenate siano vere e quanto difficile sia trovare la persona giusta in un tempo in cui l'esagerazione e la pretesa siano due variabili così comuni.
Spassoso e leggero, è un musical che lascia un segno e che fa uscire dal teatro con un sorriso sulle labbra e la voglia di tornare a rivederlo.

AAA Cercasi Amore (Personals)
MotusArti

Testi e Libretto di David Crane, Seth Friedman, Marta Kauffman
Musiche di William Dreskin, Joel Philip Friedman, Seth Friedman, Alan Menken, Stephen Scwhartz, Michael Skloff
Adattamento e Regia di Alessia Tona Ilaria Gianani, Gianfranco Vergoni
Con Irene Cedroni, Roberto Colombo, Matteo Guma, Valentina Naselli, Luca Notari, Alessia Tona
Direzione Musicale di Matteo Guma

Related Articles View More Italy Stories   Shows









From This Author Sara Crescente

Before you go...

Like Us On Facebook
Follow Us On Twitter
Follow Us On Instagram
   



  SHARE