BWW Interview: Federico Marignetti di DORIAN GRAY - LA BELLEZZA NON HA PIETÀ al Teatro La Pergola (FI)

BWW Interview: Federico Marignetti di DORIAN GRAY - LA BELLEZZA NON HA PIETÀ al Teatro La Pergola (FI)

Ciao a tutti i nostri amici di broadwayworld.com - Italia. Siamo al teatro della Pergola di Firenze con Federico Marignetti, il protagonista dell'opera moderna Dorian Gray - La bellezza non ha pietà.

Federico, è stato difficile interpretare Dorian Gray con la sua ecletticità e il suo fascino misterioso, alternandolo con gli altri personaggi del romanzo, a volte anche con cambi fulminei visto che sei praticamente l'unico attore in scena?

Sì, è stata un'impresa difficile, ma allo stesso tempo entusiasmante. Già in sé, è un personaggio bellissimo da interpretare, in più questo particolare spettacolo - che mi ha dato la possibilità di stare da solo sul palco per un'ora e venti minuti, è stato un'esperienza particolarmente forgiante. Gli altri personaggi che vivono nell'ambiente di Dorian sono per me una sorta di allucinazione, non sono veri e propri personaggi.

Come è stato interagire con il ballerino, che rappresentava la tua anima, e come è stato studiare quei piccoli sincronismi e quegli scambi? E' molto suggestivo il momento in cui tu e il ballerino lasciate andare al vento quel velo che rappresenta un po' Sybil Vane, l'amore di Dorian; oppure quando imbratti di colore nero il corpo del ballerino che rappresenta lo sporcarsi dell'anima.

È stato ovviamente fondamentale la visione del regista Gamba che ci ha aiutato nel rapporto tra l'anima e Dorian. Una difficoltà può essere stata quella di avere "tre anime" (tre ballerini si alternano nel ruolo dell'anima danzante), chiaramente ho riscontrato una differenza, non legata alla bravura o al talento, ma relativa alle empatie naturali tra persone. Ma devo dire che comunque mi sento molto fortunato perché mi sono trovato molto bene con tutti e tre.

Quali particolarità ti lascerà Dorian Gray rispetto ad un Melchior da Spring Awakening o un Romeo da "Romeo e Giulietta"?

Sono esperienze molto diverse: Melchior è stato l'inizio e rappresenta bene questa fase (chi conosce lo spettacolo potrà capire...) mentre l'esperienza di Romeo è quella del grande show. Questa di Dorian Gray è un'esperienza ancora diversa, più adulta. Questi personaggi mi hanno quindi accompagnato nella mia crescita professionale.

E sicuramente ce ne saranno tanti altri! Grazie!

Grazie a voi!

"Dorian Gray - la bellezza non ha pietà"

di

Daniele Martini

con

Federico Marignetti, Marco Vesprini, Thibault Servière

direzione artistica e scenografia: Rodrigo Basilicati

regia: Emanuele Gamba

sound design: Daniele Falangone

proiezioni: Sara Caliumi

luci: Paolo Bonapace

direzione di scena: Domenico Salvato

produzione e costumi: Pierre Cardin

Related Articles View More Italy Stories   Shows



From This Author Fabrizio Magnani

Before you go...

Like Us On Facebook
Follow Us On Twitter
Follow Us On Instagram instagram
   
popup



  SHARE