BWW Interviews: Stefano Brondi

 

BWW Interviews: Stefano Brondi


In occasione del debutto di questa sera della prima versione italiana di SPRING AWAKENING, su licenza della MTI - Music Theatre International, BroadwayWorld.com - Italy vi propone un'intervista esclusiva al direttore musicale nonché vocal coach Stefano Brondi.

D. Stefano Brondi: musicista, cantante e vocal coach attualmente impegnato nella direzione musicale della versione italiana di Spring Awakening, il pluripremiato musical americano scritto da Steven Sater e musicato da Duncan Sheik, prossima al debutto nazionale il 13 dicembre a Cascina (PI). Stefano, domanda a bruciapelo: cosa pensi ci sia alla base del successo di Spring Awakening?

R. Salve a tutti i lettori di BroadwayWorld.com, e grazie Nino per l'opportunità di spiegare ai fan di Spring il nostro spettacolo. Se dovessi pensare a un aspetto, tra tutti, che ha reso unico questo show, sicuramente direi il rock. Specialmente per l'uso critico e narrativo che ne è stato fatto all'interno di uno dei testi di prosa più famosi di inizio '900! Come tu saprai, quando a Duncan Sheik venne proposto di comporre la score per questo progetto, lui accettò rispondendo di non avere intenzione di scrivere un musical 'classico'. Lui, in quanto musicista rock, decise di portare il 'suo' rock a teatro. Scelta interessante, tra l'altro, anche quella del regista originale Micheal Mayer di utilizzare dei microfoni a gelato durante i numeri musicali: questo espediente trasforma lo spettacolo in un vero e proprio concerto che si sviluppa seguendo il filo della trama. Allora il rock non diventa più solo il "linguaggio portante" della storia, ma un "media onirico" attraverso il quale i personaggi scaricano tutta la loro rabbia e si ribellano. Ed è per questo che noi preferiamo definire Spring Awakening un' "Opera Rock," sulla scia di Rent o di Jesus Christ Superstar. Pensa che io mi sono avvicinato a quest'opera tre anni fa, lavorando alla direzione musicale di Rent (la versione diretta da Paolo Ruffini, ndr.)... fu allora che Fabrizio Angelini sottopose alla mia attenzione Spring Awakening, ritenendolo perfetto per i nostri ragazzi. Ed è da quel momento che combatto, insieme a Pietro Contorno e tutto lo staff della TodoModo Music All, per portare Spring sulle scene italiane. Direi che ci stiamo riuscendo! Certo, con un testo attuale che tocca dei tasti così dolenti non è facile trovare dei produttori pronti ad investire su di te...

D. E infatti le tematiche trattate sono sì attuali ma anche molto controverse: il risveglio sessuale, l'aborto, il suicidio, l'omosessualità... non è un titolo facile da "maneggiare," diciamo! Che valore pensi possa avere un testo del genere in un paese come il nostro?

R. Sono tematiche non attuali, ma attualissime! Tematiche di cui sentiamo parlare giornalmente... Assistendo alla scena del suicidio di Moritz, come si può non pensare a quel ragazzo che pochi giorni fa si è tolto la vita solo perché veniva considerato "diverso?" Quante volte sentiamo al telegiornale di donne violentate o di ragazze che rimangono incinte a 16 anni, o anche di meno, con un incredibile primato della Lombardia... a discapito dei luoghi comuni! L'Italia è un paese europeo, apparentemente meno bigotto dell'America e molto aperto culturalmente. Certo, forse qui non vedremo mai "The Book Of Mormon," nel quale troviamo addirittura una bestemmia abbastanza esplicita, ma riteniamo che per il nostro paese i tempi siano più che maturi per Spring Awakening, vuoi per il particolare momento storico, vuoi per l'attualità del testo, vuoi per la musica... E poi, alla fin fine, il vero target di questo progetto sono i ragazzi, è a loro che bisogna arrivare! C'è bisogno di questo musical proprio perché c'è bisogno di parlare con loro di queste tematiche,  di sensibilizzarli a determinate realtà. Solo in questo modo il teatro potrà tornare ad essere un luogo in cui si accumulano esperienze e si mette in discussione ogni aspetto della vita. E questo è senza ombra di dubbio uno strumento molto potente da un certo punto di vista... forse anche più del cinema!




Comment & Share




About Author

Subscribe to Author Alerts
Nino Prattico Sono nato a Milano, nel 1993, e cresciuto a Reggio Calabria fino all'età di diciotto anni. Dopo la maturità, mi sono trasferito a Roma per intraprendere un corso di laurea in Giurisprudenza (Percorso Inernazionale) presso la LUMSA - Libera Università Maria Ss. Assunta.

Parallelamente alla mia carriera universitaria, da Luglio 2012 mi occupo - in qualità di Redattore Locale - della pagina italiana del prestigioso BroadwayWorld.com, leader indiscusso tra i portali web dedicati al musical in USA e nel mondo. La posizione da me ricoperta mi ha dato l'opportunità di entrare in contatto con le personalità più importanti del settore, permettendomi di fare il mio ingresso nell'ambiente dalla porta principale. Per conto di BroadwayWorld ho curato le prime due edizioni italiane dei BWW Awards, volti a premiare le eccellenze del teatro musicale nostrano.

A ottobre 2013 sono entrato a far parte della giuria di qualità per la fase finale dei Musical! Awards organizzati da Central Palc e patrocinati da Paolo Limiti.


 
🔀ITALY SHOWS
Gabriele D'Annunzio, loves and battles between in ItalyGabriele D'Annunzio, loves and battles between
(Runs 4/15 - 4/20)
More About Me ... in ItalyMore About Me ...
(Runs 4/22 - 4/22)
An Ode To The Blues in ItalyAn Ode To The Blues
(Runs 4/26 - 4/26)
Peppa Pig and the treasure hunt in ItalyPeppa Pig and the treasure hunt
(Runs 4/26 - 4/27)
The Legend Of The Flying Volleyball Player in ItalyThe Legend Of The Flying Volleyball Player
(Runs 4/28 - 4/28)
Pornography in ItalyPornography
(Runs 4/22 - 5/4)
The sisters Macaluso in ItalyThe sisters Macaluso
(Runs 4/29 - 5/4)

More Shows | Add a Show