Skip to main content Skip to footer site map
Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro

Si è conclusa l’edizione 2022 dell’ON STAGE! FESTIVAL CON UNO SPETTACOLO CHE METTE IN EVIDENZA LA PRECARIETÀ DEI DIRITTI CIVILI

Si è conclusa l'edizione 2022 dell'ON STAGE FESTIVAL con uno spettacolo in lingua originale dal titolo OPEN - A QUEER LOVE STORY, scritto da Crystal Skillman e diretto da Jessi D. Hill.

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro

Dopo le tappe a Cagliari, Ostia e Pescara, la data romana chiude questa edizione del festival di scambio culturale tra Italia e Stati Uniti. Il prossimo appuntamento sarà infatti lo IN SCENA! Festival a New York la prossima primavera. Organizzato da Kairos Italy Theater e The International Theater, nelle figure di Donatella Codonesu e Tomaso Thellung De Courtelary, in collaborazione con Laura Caparotti a New York, quest'anno il festival si è concentrato principalmente sui diritti più in bilico in questi ultimi tempi, quelli della comunità LGTBQ+ presi come simbolo di tutti i diritti civili messi in discussione dalla risalita al potere da parte di partiti di destra estremista in varie parti del mondo. La rappresentazione di ieri sera è stata preceduta da un dibattito dal titolo esplicito, Diritto all'odio, moderato da Simone Alliva, giornalista dell'Espresso e scrittore (sue le inchieste Caccia all'omo e Fuori i nomi) con la partecipazione di Mario Colamarino, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Cinzia Paolillo, responsabile di AP Accademia dell'antimafia e dei diritti oltre che alla regista e all'autrice dello spettacolo. La crescente preoccupazione per l'ascesa di politici sempre più inclini a limitare i diritti civili e umani ha avuto una sola unanime risposta dagli intervenuti: resistere e unire le forze in una società sempre più vittima di propagande insidiose, divisive e menzognere.

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro

UN MONOLOGO DI TENERA INTENSITÀ

Sulla semplice scena, senza accessori se non una semplice sedia, entra Lily Ali-Oshatz, artista di Brooklyn che recita in inglese con i sopratitoli in traduzione italiana. Subito lo spettatore viene trasportato in un viaggio immaginario a New York. La mimica e la recitazione della protagonista sono così efficaci e coinvolgenti che si ha la netta sensazione di vedere e vivere questa storia attraverso le sue parole, scelte con molta cura e i movimenti perfettamente studiati nel minimo dettaglio. Attraverso alcuni trucchi di magia immaginaria si viene introdotti al racconto dell'incontro tra due donne: la prima è Karen, timida e abbandonata dal padre che ha scoperto la sua omosessualità: lui non riesce a farci i conti e le chiede di non farne parola con la madre che ne morirebbe. La giovane, una scrittrice in erba, cresce nel buio, senza trovare il coraggio di fare coming out. Tra un mazzo di carte immaginario e una pila di libri inesistente narra del suo incontro con Jenny, donna out, in pace con se stessa e accettata dalla sua famiglia. La loro storia inizia tentennante per questo opposto modo di vivere la propria identità. Rientrando a casa di sera, le due vengono aggredite e Jenny pesantemente ferita. Viene ricoverata in un coma irreversibile che non supererà. Questa perdita darà a Karen la forza di affermare la sua identità, sostenuta dai genitori della sua compagna che inizialmente non l'avevano ritenuta degna della loro figlia. La magia con alcuni dei più comuni trucchetti, come il mazzo di fiori tirato fuori dal cappello a cilindro, il pappagallino che nasce dall'uovo sotto il foulard, l'equilibrio da trovare nel camminare su una corda tesa (tutti rappresentati virtualmente a gesti e parole), sostengono il racconto con delle metafore semplici ma decisamente efficaci per esternare le emozioni e le frustrazioni della protagonista. E con lei quelle di un enorme gruppo di persone che si può identificare in questa narrazione.

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro

UNA INTERPRETAZIONE CHE NON LASCIA INCERTEZZE

Lily Ali-Oshatz molto semplicemente incanta, esattamente come farebbe ogni mago anche se in questo caso i suoi trucchi sono immaginari. La sua capacità di tenere gli occhi di tutta la platea fissi su di lei per tutta la durata di questo monologo, denota una notevole capacità interpretativa. Neanche per un solo attimo ha perso quel ritmo indispensabile a chi si cimenta in un racconto drammatico ma anche divertente e a tratti goffo. Ne traspare una evidente e profonda interazione tra attrice, scrittrice e regista, riuscite intensamente a scavare nel più profondo di una storia come se ne sentono ogni giorno. Ed è proprio da una semplice, anche se drammatica, storia di tutti i giorni che dal nostro io interiore può nascere la forza di lottare e di voler affermare la necessità di riportare in primo piano quello che nella nostra società viene sempre più a mancare: il rispetto del prossimo e delle sue individualità.

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro

KAYROS ITALY THEATER E THE INTERNATIONAL THEATER

presentano

una produzione di

THE TANK

&

THE FLYING CARPET THEATER CO.

OPEN

A QUEER LOVE STORY

Scritto da Crystal Skillman

Regia di Jessi D. Hill

Cast

Lily Ali-Oshatz

Stage manager Sydney Golden

Foto Elena Santucci

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro Donatella Codonesu, Jessi D. Hill, Crystal Skillman, CINZIA PAOLILLO,

MARIO COLAMARIO E SIMONE ALLIVA

Review: OPEN - A QUEER LOVE STORY all' AP Teatro MARIO COLAMARINO, Donatella Codonesu, JESSE D. HILL, Crystal Skillman E SIMONE ALLIVA



Previews: SCUSA SONO IN RIUNIONE ... TI POSSO RICHIAMARE al TEATRO SISTINA Photo
SCUSA SONO IN RIUNIONE ... TI POSSO RICHIAMARE al TEATRO SISTINA Prima al Sistina per una esilarante commedia con Vanessa Incontrada e Gabriele Pagnotta in scena dal 14 al 26 febbraio

Review: DAIMON - LULTIMO CANTO DI JOHN KEATS al Teatro Lo Spazio Photo
DAIMON - L'ULTIMO CANTO DO JHON KEATS at TEATRO LO SPAZIO UNA SERATA ALLA RICERCA DELL'IO PROFONDO CON UN SUBLIME GIANNI DE FEO

Review: IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINA Photo
IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINA UNA PRODUZIONE IN SCENA FINO AL 12 FEBBRAIO AL SISTINA PER POI PROSEGUIRE IN TOUR IN ITALIA E IN EUROPA

Previews: BEN HUR UNA STORIA DI ORDINARIA PERIFERIA al Teatro 7 Off Photo
Una classica commedia all'italiana in scena dal 23 Febbraio Al 5 Marzo.


From This Author - Ettore Farrattini

Nato a Roma nel 1959, ha frequentato con successo il liceo scientifico Amedeo Avogadro e si è poi diplomato in una scuola romana specializzata nel restauro del legno. Dal 2000 al 2016 s... (read more about this author)


Previews: SCUSA SONO IN RIUNIONE ... TI POSSO RICHIAMARE al TEATRO SISTINAPreviews: SCUSA SONO IN RIUNIONE ... TI POSSO RICHIAMARE al TEATRO SISTINA
February 7, 2023

SCUSA SONO IN RIUNIONE ... TI POSSO RICHIAMARE al TEATRO SISTINA Prima al Sistina per una esilarante commedia con Vanessa Incontrada e Gabriele Pagnotta in scena dal 14 al 26 febbraio

Review: DAIMON - L'ULTIMO CANTO DI JOHN KEATS al Teatro Lo SpazioReview: DAIMON - L'ULTIMO CANTO DI JOHN KEATS al Teatro Lo Spazio
February 6, 2023

DAIMON - L'ULTIMO CANTO DO JHON KEATS at TEATRO LO SPAZIO UNA SERATA ALLA RICERCA DELL'IO PROFONDO CON UN SUBLIME GIANNI DE FEO

Review: IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINAReview: IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINA
February 5, 2023

IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINA UNA PRODUZIONE IN SCENA FINO AL 12 FEBBRAIO AL SISTINA PER POI PROSEGUIRE IN TOUR IN ITALIA E IN EUROPA

Previews: BEN HUR UNA STORIA DI ORDINARIA PERIFERIA al Teatro 7 OffPreviews: BEN HUR UNA STORIA DI ORDINARIA PERIFERIA al Teatro 7 Off
February 5, 2023

Una classica commedia all'italiana in scena dal 23 Febbraio Al 5 Marzo.

Previews: IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINAPreviews: IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINA
January 26, 2023

IL PICCOLO PRINCIPE al TEATRO SISTINA La storia più letta al mondo in un allestimento teatrale di grande effetto in scena dal 1 al 12 febbraio al Sistina e in tour in tutta Italia