Review: I Giorni Felici ‘esplodonoÂ' a Catona Teatro: soffia il vento degli anni Â'50!!

[The English translation is not available at the moment, sorry for the inconvenience.]

Review: I Giorni Felici ‘esplodonoÂ’ a Catona Teatro: soffia il vento degli anni Â’50!!Si è concluso ieri, sabato 25 agosto, nel magico scenario di Catona Teatro (RC), il tour di Happy Days, il musical di Garry Marshall basato sull'omonima serie tv degli anni '80, prodotto dalla Compagnia della Rancia e ormai in giro per l'Italia da più di un anno e mezzo per un numero di 123 repliche.

Rombi di motore, gonne a ruota, giacche di pelle e tanto rock'n'roll: un nostalgico tuffo negli anni '50, quei giorni felici e spensierati in cui aleggiava una dolce leggerezza. Leggerezza che percorre interamente il libretto di Paul Williams, anche autore delle musiche che, lungi dall'essere eccellenti, sono comunque piacevoli, frizzanti e perfettamente in linea con l'ambientazione del musical. La loro freschezza rivive sul palcoscenico grazie agli arrangiamenti pimpanti di John McDaniel, alle rutilanti coreografie di GillIan Bruce e alle liriche italiane di Franco Travaglio che non solo rendono giustizia, ma danno anche una marcia in più ai testi originali. Il tutto sotto la pregevole guida del grande Saverio Marconi, uno dei "padri" del musical italiano, che firma una regia vivace, scorrevole e ben ritmata che non scade mai nel ridicolo o nella banalità, rischio abilmente evitato grazie ad un'intelligente caratterizzazione dei personaggi.

È il 1959, l'alba di un nuovo decennio, e nel Wisconsin giungono brutte notizie: Arnold's, il punto di ritrovo di tutti i ragazzi di Milwaukee, sta per essere demolito per far posto ad un centro commerciale. Per raccogliere fondi e salvare il locale viene organizzato un incontro di wrestling tra Fonzie e i suoi più acerrimi nemici, i Fratelli Malachi. Fonzie è deciso ad accettare l'offerta ma Richie Cunningham, quasi un secondo fratello per lui, essendo a conoscenza del suo ginocchio "debole" cerca di dissuaderlo dicendogli che se avesse persistito nell'impresa avrebbe rivelato a tutti la sua debolezza. Fonzie si trova di fronte ad un bivio: rischiare un grave infortunio o compromettere la sua reputazione, e capisce che è arrivato il momento di andare via. Richie decide di prendere il suo posto contro i Malachi insieme all'amico Ralph che, suo malgrado, acconsente a salire sul ring. Fonzie, però, resta a secco di benzina ed è costretto a far ritorno a Milwaukee raggiungendo il parco giusto in tempo per sfidare i Malachi. I fratelli giocano sporco ma grazie all'aiuto di Richie i due amici riescono a vincere. Il lieto fine è d'obbligo: viene raggiunta la somma richiesta, Arndold's resta aperto, la famiglia Cunningham è più unita che mai e Fonzie torna fra le braccia della sua vecchia fiamma, Pinky Tuscadero.

La storia è molto semplice e, apparentemente, sembra fungere da cornice a celeberrimi personaggi e musiche qualitativamente mediocri tant'è che la versione americana prodotta dalla Goodspeed Opera House nel 2007 si rivelò una mera mossa commerciale riscontrando un tiepido successo di critica. Eppure, sarà per la regia azzeccata, sarà per la bella trasposizione in italiano, sarà per il fascino degli anni '50: la versione nostrana di questo musical convince in pieno. 

E questo non sarebbe potuto accadere se non grazie all'energico cast che, specialmente nel giorno dell'ultima replica, ha dato il meglio di sé. Primo fra tutti Riccardo Simone Berdini nel ruolo di Arthur Fonzarelli (aka Fonzie) che riesce a tenere testa ad un personaggio a cui non ci si può relazionare facilmente, tanto da entrare quasi in 'simbiosi' con lui senza mai eccedere in quei cliché che, sicuramente, sarebbero stati di cattivo gusto. Ottima scelta è stata quella di Luca Giacomelli per il ruolo di Richie Cunningham, a dir poco perfetto, sia per talento che per fisicità, nei panni che furono di  Ron Howard




Comment & Share




About Author

Subscribe to Author Alerts
Nino Prattico Sono nato a Milano, nel 1993, e cresciuto a Reggio Calabria fino all'età di diciotto anni. Dopo la maturità, mi sono trasferito a Roma per intraprendere un corso di laurea in Giurisprudenza (Percorso Inernazionale) presso la LUMSA - Libera Università Maria Ss. Assunta.

Parallelamente alla mia carriera universitaria, da Luglio 2012 mi occupo - in qualità di Redattore Locale - della pagina italiana del prestigioso BroadwayWorld.com, leader indiscusso tra i portali web dedicati al musical in USA e nel mondo. La posizione da me ricoperta mi ha dato l'opportunità di entrare in contatto con le personalità più importanti del settore, permettendomi di fare il mio ingresso nell'ambiente dalla porta principale. Per conto di BroadwayWorld ho curato le prime due edizioni italiane dei BWW Awards, volti a premiare le eccellenze del teatro musicale nostrano.

A ottobre 2013 sono entrato a far parte della giuria di qualità per la fase finale dei Musical! Awards organizzati da Central Palc e patrocinati da Paolo Limiti.


SUBMISSIONS ONLY
Watch Ep. 1-4 | Ep. 5 Coming in...
 
🔀ITALY SHOWS
An Ode To The Blues in ItalyAn Ode To The Blues
(Runs 4/26 - 4/26)
Peppa Pig and the treasure hunt in ItalyPeppa Pig and the treasure hunt
(Runs 4/26 - 4/27)
The Legend Of The Flying Volleyball Player in ItalyThe Legend Of The Flying Volleyball Player
(Runs 4/28 - 4/28)
Pornography in ItalyPornography
(Runs 4/22 - 5/4)
The sisters Macaluso in ItalyThe sisters Macaluso
(Runs 4/29 - 5/4)
Slava's Snowshow
(Runs 4/23 - 5/4)
Moderato cantabile in ItalyModerato cantabile
(Runs 5/8 - 5/8)

More Shows | Add a Show