Interview: Intervista a... Riccardo Simone Berdini

[For the English translation scroll down to the bottom of the page]

Interview: Intervista a... Riccardo Simone Berdini Riccardo Simone Berdini: eclettico artista italiano, autore, vincitore del Premio Nazionale Sandro Massimini nel 2009 e sincero amante del musical theatre che vanta un curriculum di tutto rispetto. Tra gli spettacoli da lui interpretati ricordiamo HAPPY DAYS, GREASE, LES MISERABLES, PINOCCHIO, BEGGAR’S HOLIDAY, 80 VOGLIA DI ’80 ma anche MUSICAL JOURNEY e MUSICAL STARTS. Ho avuto modo di incontrarlo a Reggio Calabria (RC), ultima tappa del tour di Happy Days, prodotto dalla Compagnia della Rancia, e insieme abbiamo sviscerato le problematiche più rilevanti del mondo del musical, genere che in Italia si sta facendo strada grazie a personalità che, come Riccardo, credono fermamente in quello che fanno e mettono anima e corpo nel fare ciò in cui credono!

D: Oggi Fonzie e domani Danny Zucko…
R: E ieri Jean Valjean! E quello è stato il trauma: passare da Jean Valjean a Danny Zucko!

D: Cosa si prova nel vestire i panni di questi due “idoli” senza tempo?
R: [ride, ndr.] Beh, cosa si prova… In realtà non mi soffermo a pensare a cosa si prova. Anche perché non credo che il mondo del musical in Italia abbia una rilevanza tale da poterti permettere di sentire di fare qualcosa di molto speciale. Mi spiego: facciamo un lavoro bellissimo che purtroppo in Italia non è ancora molto considerato! Sento di fare una cosa bella, mi sento fortunato a farla ma non mi sento uno che interpreta  l’idolo delle masse, questo no. Però la cosa bella è che per Fonzie ho conosciuto Harry Winkler, ho parlato direttamente con lui via email parecchie volte… e ci salutiamo tuttora!  Mentre per Danny Zucko ho sentito John Travolta… no, non è vero! [ride ndr.]

C’è da dire, comunque, che è stato molto più difficile impersonare Fonzie. Danny è un ragazzo esuberante, ma non ha una connotazione fisica o caratteriale ben precisa e, nonostante il film con John Travolta, è stato interpretato mille volte a teatro. Fonzie no: c’è LUI è basta! Danny Zucko rimane un’icona, ma Fonzie È lui (Harry Winkler). Quindi è stata dura perché mi son dovuto relazionare con un mostro sacro della storia della TV e del cinema americano. Mentre in Grease ho già avuto molti predecessori nonché amici:  Giampiero Ingrassia, Mirko Ranù, Filippo Strocchi…

D: Anche perché in questo caso nasce prima il musical del film, mentre per Happy Days è il contrario: la serie è insediata nell’immaginario collettivo ormai da quasi mezzo secolo…
R: Esatto! Comunque, ti posso dire una cosa? La risposta principale: E’ FICO!

D: Dopotutto i rispettivi Happy Days e GREASE sono due fenomeni generazionali. Cosa pensi ci sia alla base del loro successo? Qual è l'elemento che, secondo te, li ha resi degli evergreen?
R: Gli anni ’50. Hanno un fascino irresistibile, specie in questo momento di crisi economica.  Erano un momento di fioritura, di sviluppo economico ma anche artistico e tecnologico… era un clima sereno, proprio perché si usciva dalla guerra. E poi, in America c’era un benessere pazzesco, tanta ingenuità, tanta fiducia reciproca, tanta semplicità… è una cosa che affascina ancora. Per non parlare del rock’n’roll: un nuovo genere musicale, una nuova cultura, una nuova moda: iniziavano a vedersi le prime minigonne, iniziava la pop-art, iniziava la televisione, iniziava TUTTO: era l’inizio della società moderna!




Comment & Share




About Author

Subscribe to Author Alerts
Nino Prattico Sono nato a Milano, nel 1993, e cresciuto a Reggio Calabria fino all'età di diciotto anni. Dopo la maturità, mi sono trasferito a Roma per intraprendere un corso di laurea in Giurisprudenza (Percorso Inernazionale) presso la LUMSA - Libera Università Maria Ss. Assunta.

Parallelamente alla mia carriera universitaria, da Luglio 2012 mi occupo - in qualità di Redattore Locale - della pagina italiana del prestigioso BroadwayWorld.com, leader indiscusso tra i portali web dedicati al musical in USA e nel mondo. La posizione da me ricoperta mi ha dato l'opportunità di entrare in contatto con le personalità più importanti del settore, permettendomi di fare il mio ingresso nell'ambiente dalla porta principale. Per conto di BroadwayWorld ho curato le prime due edizioni italiane dei BWW Awards, volti a premiare le eccellenze del teatro musicale nostrano.

A ottobre 2013 sono entrato a far parte della giuria di qualità per la fase finale dei Musical! Awards organizzati da Central Palc e patrocinati da Paolo Limiti.